Di Claudia Turconi
Psicopedagogista all’interno della casa circondariale di Bollate.

Ci sperava proprio Maria. Di uscire. Di varcare porte e cancelli e far spaziare lo sguardo oltre paesaggi sempre uguali e tro